Crostata ricotta e mele profumata al limone e cannella

Ricetta molto gustosa con prodotti di stagione, ma comunque fresca.

Preparare una frolla con una ricetta a scelta. Io di solito uso la tradizionale 123, lasciata riposare per almeno 1 ora nel frigo (anche se questo dettaglio scatenerà la furia di Mirko…):

  • 100 g zucchero
  • 200 g burro
  • 300 g farina
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • sale qb
  • aroma a piacere (vaniglia, buccia di limone ecc.)

Una volta pronta la frolla, foderare una tortiera da 24/26 cm di diametro e stendere sul fondo un velo di marmellata (3-4 cucchiai colmi) di gusto a piacere: in questa stagione a casa siamo pieni fino ai capelli di marmellata di susine fatta in casa…e il sapore si sposa benissimo con le mele!!!

 

A questo preparare la crema di ricotta per il ripeno:

  • 250 g ricotta
  • 130 g zucchero semolato
  • 2 uova
  • buccia di 1 limone
  • succo di 1/2 limone

Lavorare la ricotta assieme allo zucchero fino ad ottenere una crema. 

Unire poi i tuorli, il succo e la buccia del limone e mescolare.

Infine incorporare gli albumi montati a neve. Versare la crema ottenuta nella crostata.

 

Tagliare 2 mele di media grandezza a fettine sottili.

Disporle sulla crema, cospargendole poi con cannella e, volendo, dello zucchero di canna.

Cuocere a 170°-180° per circa 45-50 minuti.

In cottura la crema gonfia…perciò tutto normale! E come molte torte con la crema, tende a gocciolare se cotta in tortiera a cerniera senza raccogligoccia…in questo caso quindi foderare all’esterno il fondo dello stampo con alluminio: in questo modo eviterete che le gocce di grasso colino sulla piastra e diano durante la cottura un fastidioso odore di bruciato.

Ed ecco il risultato! (non avevo lo zucchero di canna per ‘proteggere’ le mele dal calore e si è un pò scurita…)

Se pensate di consumare la torta in più giorni, consiglio di coprire le mele dopo la cottura con la gelatina neutra; in questo modo sarà più difficile che si formi subito la muffa.

Questa voce è stata pubblicata in Crostate e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>